Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bus guidato da un 15enne, la smentita di Anm: "E' una tirocinante". Ma l'autista viene sospeso

 

"In un video diffuso sui social è possibile notare un minorenne guidare un bus del trasporto pubblico napoletano". E' quanto denunciano Gianni Simioli e Francesco Emilio Borrelli: ”Una follia. Abbiamo inviato una nota all’Anm per segnalare la vicenda e chiedendo che vengano presi provvedimenti contro chi ha permesso un tale atto irresponsabile.”

"La scena è stata ripresa e segnalata da un cittadino al Consigliere Regionale dei Verdi-Europa Verde Francesco Emilio Borrelli. La vicenda è avvenuta nella serata del 19 luglio a via Manzoni, presso la rotonda di via Caravaggio. Sembra che l’autobus che si apprestava a rientrare in deposito fosse manovrato non dal conducente ma bensì da un minorenne, a quanto racconta il cittadino che ha inviato la segnalazione", spiega Simioli, che poi ammette l'errore: "La smentita e il chiarimento di Anm e quindi in questo caso le scuse doverose e le congratulazioni per e al nuovo assunto".

La replica di Anm

"Il video e le foto diffuse dal consigliere regionale Francesco Borrelli ritraggono una delle tirocinanti che fanno esercitazione a bordo di un bus Anm. L'autista in questione è una donna di 44 anni, che sta svolgendo la trafila seguita da tutti gli autisti interinali che vengono assunti a tempo da Anm. Quel video la ritrae nella sua prima uscita a bordo di un autobus di linea, in una delle prove che Anm fa svolgere di sera, quando non c'è traffico, ai tirocinanti che guidano insieme a un autista esperto che interviene in caso di difficoltà. La signora sta completando il suo percorso formativo e da settembre sarà nel nuovo contingente di autisti interinali in servizio per le strade di Napoli, dopo aver imparato a gestire il mezzo nella rotonda di via Caravaggio, una delle strade che per la sua difficoltà è inserita nel percorso di formazione. Anm ha già risposto questa mattina alla lettera di richiesta di informazioni del consigliere regionale Francesco Borrelli. Spiace che la notizia falsa sia stata diffusa dallo stesso consigliere regionale prima di verificarla con Anm, che resta sempre a disposizione per rispondere a qualsiasi dubbio suo o di altri consiglieri regionali", spiega Anm in una nota.

Sospeso l'autista

"Anm ha avviato questa mattina un'indagine interna in merito alle immagini diffuse dai social e riprese dagli organi di stampa che ritraggono un bus in difficoltà sabato sera nella svolta alla rotonda di via Caravaggio a Napoli. L’azienda si riserva, alla luce di quanto emergerà da queste verifiche, di emettere tutti i conseguenziali provvedimenti disciplinari qualora dovessero ravvisarsi comportamenti non corretti da parte dei propri dipendenti. Come già riferito nella nota di stamattina, l'azienda intende comunque tranquillizzare i cittadini napoletani che in nessun momento un minorenne è stato alla guida di un suo autobus e che le attività di tirocinio alla guida avvengono secondo procedure rigorose. 

L'indagine ha subito appurato che al volante non c'era un minorenne, ma una signora di 44 anni che sta svolgendo attività formativa per essere assunta come autista somministrato a tempo determinato nell'ambito del programma che Anm sta portando avanti da ormai un anno per garantire il numero di autisti necessario a svolgere al meglio il servizio. 

A seguito dei primi fatti emersi, Anm ha avviato la sospensione cautelativa dell'autista che era sul bus insieme alla tirocinante e farà partire una indagine interna in quanto la sessione di formazione, diversamente da quanto avviene sempre,  non risulta essere stata preventivamente autorizzata."

"Il lavoratore deve essere ascoltato. Ci deve essere prima contestazione, poi lui deve avere dei giorni per rispondere e poi l'azienda puà muoversi di conseguenza. La prassi giusta sarebbe questa. Invece è stato sospeso", spiega Marco Sansone del Coordinamento Regionale USB.

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento