Cronaca

Bus fermi, scoppia l'ira dei napoletani su Facebook

Gli utenti sulla pagina dell'Anm: "Il sindaco de Magistris lo ha mai preso un autobus in vita sua? Chi ha pagato l'abbonamento verrà rimborsato di tali disagi?". L'azienda: "Grazie a chi è con noi"

Anm su Facebook

"Il sindaco de Magistris lo ha mai preso un autobus in vita sua? Chi ha pagato l'abbonamento verrà rimborsato di tali disagi?". Benvenuti nella pagina Facebook dell'Anm dove ieri è partito l'annuncio che i bus, a Napoli, oggi si sarebbero fermati per mancanza di gasolio. E dove oggi si scatena la rabbia degli utenti.

Alle domande di Sergio su de Magistris e il rimborso degli abbonamenti si aggiunge quella di Pino: "E se gli abbonati iniziassero a chiedervi i danni?" e Marco riesce anche a scherzare: "E' una buona notizia: esistono le biciclette, i motorini, i pattini". AlessandroeRoberta, così si firmano su Fb, sbottano così: "Ma allora l'Anm provvederà di persona ad avvisare i nostri titolari che a causa loro non ci recheremo al lavoro? grazie mille". Francesca, invece, usa l'ironia: "Cari amici, non avete capito nulla... è il sindaco, d'accordo con la Regione e l'Anm, che vuole venire incontro alle nuove istanze salutiste, e invitare tutta la popolazione a recarsi a piedi al luogo di lavoro o di studio: aboliamo il sedentarismo e la pigrizia! camminare fa bene al cuore! anzi, aboliamo le automobili in tutta la città, così avremo più spazio per le bici, per i pattini... che dite? lavorate a 10 chilometri da casa? beh, dovevate alzarvi 5 ore prima e cominciare a camminare a notte fonda!".


Qualcuno per la verità, alla notizia dell'arrivo del gasolio, sostiene anche l'Anm e dice "non mollate". Qualcun altro, come Luca, si chiede: "Ma allora i soldi ci sono? Cos'era questo un ricatto?". L'Anm cerca di correre ai ripari e sempre sulla pagina di Fb, agli utenti, chiede finanche aiuto: "Tutti i commenti di sdegno e rabbia sono comprensibili perché il nostro è un lavoro importante per la città e lo sappiamo. La decisione di informare i clienti, consapevoli delle conseguenze, è stata una scelta di rispetto per le persone che utilizzano i nostri bus, come è una scelta di rispetto non dare informazioni positive se non ci sono o imprecise". Ed ancora: "Stiamo lavorando per riportare la 'normalita''. Non è facile e la solidarietà di alcuni cittadini, che non è certamente dovuta, ci dà ulteriore coraggio. Grazie a tutti coloro che sono con noi". (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bus fermi, scoppia l'ira dei napoletani su Facebook

NapoliToday è in caricamento