Cronaca

Dipendenti Eav in agitazione: pochissimi bus in strada

I lavoratori protestano perché non ricevono il tfr in busta paga, in particolare la parte che riguarda tutta la gestione precedente al fallimento del 2012

Bus fermi e stato di agitazione dei dipendenti. Sono giornate difficili che chi viaggia con i pullman dell’ex Eavbus. I lavoratori, si legge sul Mattino, protestano perché non ricevono il tfr in busta paga, in particolare la parte che riguarda tutta la gestione precedente al fallimento del 2012. Ovvero, ben 30 milioni di euro.

Il tfr in busta paga è bloccato perché l’Eav, che ha inglobato l’azienda fallita, ha un credito verso la curatela fallimentare Eavbus di oltre 50 milioni di euro. E i soldi resteranno fermi fino a quando non si troverà un accordo.

Ieri, intanto, sono stati fermi gli impianti di Napoli ed Agnano. Pochi i bus in circolazione e disagi sia in città che nella provincia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendenti Eav in agitazione: pochissimi bus in strada
NapoliToday è in caricamento