Scoperto a incendiare rifiuti: 23enne clandestino in manette

Un giovane, originario del Mali, è stato trovato a bruciare pneumatici, complementi d'arredo e altri rifiuti a Melito

Lo hanno trovato a bruciare di tutto. Da pezzi di plastica a oggetti d'arredo passando per scaldabagni e pneumatici. Protagonista un 23enne originario del Mali arrestato dai carabinieri a Melito. I militari l'hanno sorpreso mentre stava buttando dei vestiti vecchi su un mucchio di rifiuti già dato alle fiamme.

L'arresto 

I carabinieri l'hanno bloccato immediatamente e controllato. Così hanno scoperto che si trattava di un migrante irregolare sul territorio nazionale e già noto alle forze dell'ordine per reato contro la persona e il patrimonio. L'incendio è stato appiccato in un'area privata abbandonata. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco per spegnere l'incendio. Il giovane è stato portato in carcere.

Potrebbe interessarti

  • Le tignole: cosa sono e perché è meglio non averle in casa

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Riapre la piscina della Mostra d'Oltremare dopo 3 anni

  • Pelle secca: quali sono i rimedi più efficaci

I più letti della settimana

  • Dramma per una famiglia napoletana in vacanza: 42enne muore mentre fa il bagno

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Tragedia a Scalea, muore turista napoletano: "Te ne sei andato troppo presto"

  • Dramma in autostrada, motociclista muore decapitato

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

  • Si è spenta l'attrice Ilaria Occhini: da 50 anni era la moglie di La Capria

Torna su
NapoliToday è in caricamento