Scoperto a incendiare rifiuti: 23enne clandestino in manette

Un giovane, originario del Mali, è stato trovato a bruciare pneumatici, complementi d'arredo e altri rifiuti a Melito

Lo hanno trovato a bruciare di tutto. Da pezzi di plastica a oggetti d'arredo passando per scaldabagni e pneumatici. Protagonista un 23enne originario del Mali arrestato dai carabinieri a Melito. I militari l'hanno sorpreso mentre stava buttando dei vestiti vecchi su un mucchio di rifiuti già dato alle fiamme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto 

I carabinieri l'hanno bloccato immediatamente e controllato. Così hanno scoperto che si trattava di un migrante irregolare sul territorio nazionale e già noto alle forze dell'ordine per reato contro la persona e il patrimonio. L'incendio è stato appiccato in un'area privata abbandonata. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco per spegnere l'incendio. Il giovane è stato portato in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento