"No ai box", commercianti e cittadini del Vomero si ribellano

Il progetto, definito "assurdo e pericoloso", prevede la costruzione di circo 900 box auto interrati al di sotto dell'area tra via De Bustis, piazza degli Artisti e via Tino da Camaino. I manifestanti: "Ci sono alti rischi idrogeologici"

Il progetto "Antignano-De Bustis" che prevede la costruzione di circa 900 box in una vastissima area sotterranea al Vomero è fortemente contestato. Ad alzare i toni, questo pomeriggio, sono stati numerosi collettivi che hanno organizzato un partecipato corteo, che ha preso le mosse da piazza degli Artisti per poi arrivare in serata sino a via Luca Giordano. Pacificamente hanno gridato il loro "No ai box", sfilando compatti per le strade del quartiere in cui lavorano e vivono. 

Lentamente preceduti da pochi poliziotti, duecento persone hanno pacificamente sfilato mettendo però in subbuglio la già congestionata viabilità vomerese. Ed era evidentemente anche questo l'obiettivo: cercare di lanciare il messaggio anche alla maggioranza silenziosa che vive nel quartiere collinare. Tra i manifestanti molte donne, mogli e madri di chi lavora nel mercato De Bustis, il mercatino rionale che rischia di sparire inghiottito tra le burocrazie del progetto e i lavori che potrebbero durare anni e colpire seriamente il commercio. Nel corteo anche dipendenti del vicino supermercato, che temono per il proprio posto di lavoro.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


IL PROGETTO - Nello specifico, il progetto prevede la costruzione di quasi 900 box privati e interrati in una zona che va da via Tino da Camaino a Piazza degli Artisti passando per Via Casale De Bustis - dove sorge il mercato rionale. "Uno scavo di decine di metri su un'area enorme", fanno sapere i manifestanti, "con rischi che riguardano non solo il lavoro di tutti noi, ma anche la salute e la sicurezza di tutti: il pericolo idrogeologico e ambientale è concreto, e finora poco percepito". I manifestanti sono decisi a bloccare i lavori, definendo il progetto una "speculazione edilizia antidemocratica, uno sventramento del quartiere che non porta giovamento all'interesse pubblico ma solo danni per tutti per salvaguardare gli interessi economici di pochi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento