Botti illegali: sequestrati centinaia di migliaia di pezzi

La nuova tecnica per la vendita era nasconderli in macchina e poi darli ai clienti su ordinazione

l

Botti illegali nascosti nelle auto, prelevati e consegnati solo su ordinazione. Un escamotage che non ha ingannato i finanzieri del gruppo pronto impiego di Napoli che hanno sequestrato 429.715 pezzi e arrestato tre persone. Nel corso dell'attività, infatti, sono state individuate due attività commerciali che proponevano per la vendita materiale pirotecnico illegale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per sfuggire ai controlli gli ordigni erano nascosti all'interno di autovetture parcheggiate nelle immediate adiacenze degli esercizi commerciali adibiti alla vendita di articoli pirotecnici. Tra i pezzi sequestrati anche 3.200 manufatti artigianali del tipo petardo, non convenzionali, denominati "cobra, cipolle e trac" e aventi le caratteristiche di vere e proprie bombe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

  • Crollo a Pianura, operai sepolti sotto le macerie: due morti

Torna su
NapoliToday è in caricamento