Botti di Capodanno, raffica di sequestri tra Napoli e provincia

Operazione dei carabinieri in tutti i quartieri della città. Diversi i denunciati

Sequestri e denunce nella zona di Napoli e provincia a seguito di diversi servizi di controllo "anti botti illegali" da parte dei carabinieri. Il sequestro più ingente delle ultime ore è stato eseguito a Scampia dove, nella “vela gialla”, i militari della compagnia Stella hanno scoperto e sequestrato 60 chili di fuochi d'artificio. Nel corso dello stesso servizio, ma in via Santa Teresa degli Scalzi, in via Vergini e Miano i carabinieri hanno denunciato 8 venditori abusivi di fuochi sorpresi a vendere complessivamente 20 chili di “botti” su bancarelle di fortuna.

A Pianura sono state denunciate due persone per detenzione illegale di materiale esplodente: si tratta di un 29enne e un 34enne trovati in possesso di cinque “cipolle” del peso complessivo di 650 grammi. Nel quartiere Vomero, al Largo Antignano, i carabinieri hanno arrestato per vendita illegale di fuochi un 20enne del posto già noto alle forze dell’ordine, sorpreso mentre esponeva in vendita due chili di fuochi (107 artifici legali e 30 ordigni improvvisati). Dopo le formalità di rito è stato tradotto ai domiciliari. A Posillipo, invece, i militari hanno sorpreso 3 soggetti in possesso di 225 petardi nascosti in un appartamento: denunciati la proprietaria di casa, il figlio ed un cugino che hanno tentato di disfarsi del tutto appena i carabinieri hanno bussato alla porta, lanciando i petardi nel giardino. 

A Quarto i militari hanno denunciato due venditori abusivi di botti: un 35enne di Quarto e un 54enne di Marano di Napoli che avevano esposto in vendita, in piazza Mercato, 200 chili di fuochi. A Bagnoli è stata denunciata una venditrice abusiva di fuochi di artificio. Si tratta di una 51enne pregiudicata del luogo che è stata sorpresa lungo viale Cavalleggeri d’Aosta a vendere illegalmente fuochi di artificio ai passanti: i militari hanno sequestrato 2 chili di fuochi per adulti e bambini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra Caivano ed Arzano le persone denunciate sono state 9. A Frattamaggiore e Sant’Antimo sono stati smantellati 6 banchetti e denunciati un 36enne di Cardito, un 19enne ed un 33enne di Frattaminore, un 40enne di Frattamaggiore, un 69enne di Sant’Antimo e un 27enne di Gricignano di Aversa. A Monteruscello di Pozzuoli le denunce sono state 2: un 36enne e un 25enne di Pozzuoli stavano vendendo abusivamente 60 chili di fuochi di varie tipologie. A Gragnano i carabinieri hanno arrestato due 29enni sorpresi a trasportare in un furgone 5 chili di materiale esplodente (10 “bombe carta” e 27 “track”) nonché 55 chili di fuochi di libera vendita. Infine a Castellammare di Stabia i militari hanno effettuato 5 sequestri togliendo dalla circolazione 79 chili di fuochi pirotecnici di libera vendita sequestrati a 5 venditori abusivi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento