menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Crescenzio Sepe

Crescenzio Sepe

Cardinale Sepe: "Borse di lavoro ai detenuti e pay tv per seguire le partite"

L'arcivescovo di Napoli ha voluto celebrare la funzione delle Palme nell'istituto penitenziario di Secondigliano che ospita 1200 detenuti. "In questi luoghi tocchiamo la sofferenza"

Ha annunciato l'apertura di un laboratorio artigianale di falegnameria per detenuti in affidamento, l'istituzione di alcune borse lavoro per quei reclusi che seguono un percorso di studio e formazione ma l'applauso più forte si è levato quando il cardinale Crescenzio Sepe, al termine della messa, ha annunciato che a fine maggio saranno rinnovati tutti gli abbonamenti alla pay tv per seguire le partite di calcio. L'arcivescovo di Napoli ha voluto celebrare la funzione delle Palme nell'istituto penitenziario di Secondigliano che ospita 1200 detenuti.

Ma nella cappella hanno potuto trovare posto poco più di 200 persone alle quale è stato distribuito un rosario: "Non dico di recitare ogni giorno cinquanta Ave Maria - ha detto scherzosamente Sepe rivolgendosi ai reclusi - ma almeno una sola per me". Al presule un recluso ha voluto regalare un quadro che egli stesso ha dipinto. Il cardinale Sepe è stato accolto dal direttore dell'istituto Liberato Guerriero, dal provveditore regionale, Tommaso Contestabile e dal cappellano del carcere,don Raffaele Grimaldi. Le iniziative annunciate dal card. Sepe saranno seguite dalla struttura di "pastorale carceraria" istituita dalla diocesi di Napoli e coordinata dal cappellano del carcere di Poggioreale, don Franco Esposito. Il cardinale ha voluto anche elogiare l'opera svolta dai circa 100 missionari laici impegnati nei due istituti napoletani, ai quali negli ultimi tempi si sono affiancati anche alcuni gruppi di seminaristi.


E il numero dei volontari è destinato ad aumentare: "Ogni giorno ho tante richieste da parte di persone che vogliono collaborare. I seminaristi mi dicono che dopo aver svolto il loro servizio al carcere tornano carichi di umanità e di spiritualità" "In questi luoghi tocchiamo il luogo, la sofferenza - ha detto Sepe - ma anche infinità di storie, tocchi il dramma di una realtà particolarmente tragica che stiamo vivendo". (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Riapre il Cinema Vittoria: coda al botteghino

Attualità

Apre l'hub vaccinale di Capodichino. De Luca: "Il più attrezzato d'Italia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento