Bonifica delle discariche di Pianura: i controlli del Noe

La procura di Napoli ha chiesto di verificare lo stato di pericolosità dei luoghi. Utilizzati infrarossi e scanner

Strumenti di alta tecnologia per capire lo stato delle cinque discariche da bonificare di Pianura. Ad utilizzarli sono stati i carabinieri del Noe che hanno realizzato una serie di accertamenti questa mattina su richiesta della procura di Napoli. I controlli hanno riguardato le discariche Caselle Pisani, in località Senga e dell’ex SIN in località Spadari di Napoli Pianura.

Le attività hanno l'obiettivo di accertare il livello di contaminazione ed inquinamento delle aree, la tipologia e la pericolosità dei rifiuti presenti e la situazione attuale della messa in sicurezza dei siti. I carabinieri hanno eseguito rilievi video-fotografici delle aree interessate, con strumentazione all’infrarosso e di natura volumetrica con l’impiego di scanner ad alta risoluzione. Tutti i dati verranno passati ai tecnici della procura che hanno puntato la loro lente d'ingrandimento proprio sul processo di bonifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

Torna su
NapoliToday è in caricamento