Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bagnoli: partita la bonifica. Tra 15 giorni gara per rimuovere eternit

Davanti al ministro Provenzano è cominciata la rimozione dei cumuli ex Morgan e la sperimentazione per la bonifica dei terreni. De Magistris: "Giorno storico. Lavoriamo alla nuova Bagnoli". La Regione: "Ancora non chiaro il destino di Città della Scienza, Borgo Coroglio e Circolo Ilva"

 

"A nome dello Stato italiano, dopo trent'anni, sono venuto a dire ai napoletani 'scusate il ritardo'. Da ora, non fermiamoci più". Il ministro per il Sud Giuseppe Fiorenzano cita Massimo Troisi per commentare gli ignobili ritardi sulla riqualificazione di Bagnoli e per rimarcare che siamo di fronte a un giorno storico. Almeno lo si spera. 

L'esponente del Governo Conte è giunto a Napoli per certificare il via alla bonifica dell'ex area Italsider, partita con la rimozione dei cumuli ex Morgan e con le tecniche sperimentali di bonifica dei terreni. Le ruspe sono già al lavoro: "Rimuoveremo la minor quantità di terreno possibile - assicura il ministro - così da accelerare i tempi, abbassare i costi e creare il minor impatto possibile". Infatti, tra le tecniche in uso c'è quella fitoterapiche, con l'utilizzo di piante per 'ripulire' il fondo. "Queste sono le ruspe che ci piacciono - afferma il sindaco di Napoli Luigi de Magistris - e tra poche settimane ne vedremo molte di più quando partirà la rimozione dell'amianto". Ci vorranno almeno un paio di settimane perché Invitalia, Azienda di Stato che dirige le operazioni, metta a bando la parte riguaradante lo smaltimento dell'eternit.

Come già accaduto nel giugno scorso, storce il naso la Regione Campania: "Siamo qui per dare il nostro contributo - ha spiegato il vicepresidente Fulvio Bonavitacola - ma ci sono alcuni punti ancora poco chiari. Innanzitutto, abbiamo posto perplessità sullo spostamento di Città della Scienza; in secondo luogo, non abbiamo capito che fine farà Borgo Coroglio; infine, nel piano non si parla del Circolo Ilva, che fa parte della storia di questo quartiere". 

Appunti cui ha provato a rispondere il commissario per la bonifica di Bagnoli Francesco Floro Flores: "Abbiamo dialogato con la dirigenza di Città della Scienza e sulla nuova collocazione (più interna rispetto a quella attuale, ndr) non ci sono problemi. Sul Borgo stiamo dialogando con i cittadini. Per quanto riguarda il Circolo Ilva, probabilmente non potrà rimanere dov'è adesso, ma troveremo una nuova collocazione". 

Infine, il ministro Provenzano ha provato a fugare i dubbi sull'andamento delle operazioni: "I soldi per la bonifica ci sono e sono disponibili. Con questa cooperazione istituzionale non ci saranno intoppi neanche per il resto dei lavori". E' Floro Flores, però, a segnalare un possibile intoppo: "Abbiamo risorse per circa 500 milioni. L'unico rallentamento potrebbe arrivare dalle gare. Abbiamo un protocollo Anac molto stringente e speriamo non ci saranno ricorsi strumentali". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento