Bomba carta contro una pizzeria: paura nella notte

L'esplosione a via Plinio a Torre Annunziata. Divelta la saracinesca

Ancora una bomba a Torre Annunziata. A essere colpita è stata una pizzeria di via Plinio dove è stata fatta esplodere una bomba carta. L'esplosione ha provocato dei danni alla saracinesca ma fortunatamente nessun ferimento. Il boato è stato avvertito da tutto il vicinato che ha allertato i carabinieri. I militari sono stati i primi ad arrivare sul posto e stanno conducendo le indagini.

Le indagini 

Al momento tutte le ipotesi sono sul campo e non si esclude alcuna pista. Quella più accreditata resta quella del racket. Negli ultimi mesi il fenomeno delle intimidazioni è tornato tristemente d'attualità in città. L'ultima esplosione è avvenuta lo scorso 2 settembre provocando anche il ferimento di un 15enne.

Le parole del sindaco 

“L’Amministrazione Comunale – afferma il primo cittadino Vincenzo Ascione –condanna con fermezza questo gesto di evidente matrice criminale, ed esprime la piena solidarietà al titolare dell’esercizio commerciale. Purtroppo non si tratta di un episodio isolato. Negli ultimi mesi, infatti, altri commercianti sono stati vittime di atti intimidatori. 

Ma questa Amministrazione non arretrerà di un passo. Insieme a tutte le forze sane della città, alle forze dell’ordine e alla Magistratura, continueremo a profondere il massimo sforzo affinché non si abbassi la guardia e si riesca ad assicurare alla giustizia chi si macchia di questi gesti gravissimi e deplorevoli”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto multe in due mesi: "Con quei soldi avrei comprato latte e biscotti a mia figlia"

  • Allerta meteo su Napoli, parchi cittadini chiusi il 16 ottobre

  • Prove d'evacuazione dei Campi Flegrei, un milione di telefoni squilleranno in contemporanea

  • Lutto al Cardarelli, si è spento noto anestesista

  • Volo Napoli-Torino, atterraggio d'emergenza a Genova

  • Temporali in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
NapoliToday è in caricamento