rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca

Scacco al clan Moccia, maxi blitz con 45 ordinanze di custodia cautelare

Le indagini hanno fatto emergere l'organigramma del sodalizio criminale con tentacoli tra la Campania e il Lazio, e le sue numerose attività illecite

Blitz all'alba di agenti della Dia, di polizia, carabinieri e guardia di finanza contro il clan Moccia: sono state eseguite 45 ordinanze di custodia cautelare in un'operazione avvenuta tra Lazio e Campania.

Le accuse contestate vanno, a vario titolo, dall’associazione mafiosa alla detenzione di armi comuni e da guerra, fino ad estorsioni e riciclaggio di cospicue somme di denaro.

Le indagini – coordinate dall'antimafia di Napoli – si sono avvalse del contributo di collaboratori di giustizia, oltre che di intercettazioni di colloqui in carcere. Il tutto ha anche portato al sequestro di manoscritti con cui i detenuti del clan comunicavano con l’esterno.

Ricostruito l'organigramma del gruppo criminale (che opera a Afragola, Casoria, Arzano, Frattamaggiore, Frattaminore, Cardito, Crispano, Caivano, Acerra e nel Lazio) con i cosiddetti “senatori” indicati come “affidatari delle direttive”. Un sodalizio tra l'altro caratterizzato da forti contrasti interni, e dal ruolo di primissimo piano innanzitutto di Luigi Moccia (già in libertà vigilata a Roma) e poi di Modestino Pellino (sorvegliato speciale a Nettuno e poi ucciso il 24 luglio del 2012).

Dell'agire del clan è stata inoltre ricostruita anche la capillare attività estorsiva, l’imposizione delle forniture per commesse pubbliche e private, la ripartizione tra i componenti dei profitti illeciti, nonché le infiltrazioni negli apparati investigativi dello Stato.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scacco al clan Moccia, maxi blitz con 45 ordinanze di custodia cautelare

NapoliToday è in caricamento