rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Interrogazione al Governo / Barra / Via Domenico de Roberto

Biodigestore Napoli Est, il caso finisce in Parlamento

Interrogazione del senatore 5 Stelle Vincenzo Presutto al ministro dell'Ambiente: "Quella zona ha già pagato, l'impianto non può sorgere lì"

Finisce in Senato ilcaso del biodigestore di Napoli Est. Il parlamentare 5 Stelle Vincenzo PResutto ha presentato un'interrogazione, firmata insieme ai colleghi Donno, Trentacoste, Lorefice e Puglia, per chiedere conto ai ministri della Transizione ecologica e della Salute della realizzazione dell'impianto di smaltimento della frazione umida voluto dal Comune di Napoli.

"Il 4 dicembre 2021 - scrivono gli interroganti - il Consiglio comunale ha approvato un finanziamento di 22.6 milioni di euro per la costruzione di un biodigestore a Napoli est, destinato al recupero di biometano per un massimo di 30mila tonnellate. Il biodigestore sarà il primo dei tre previsti. Gli altri due verranno dislocati a Napoli nord e a Napoli ovest. Tuttavia, essi non basteranno comunque a rendere autosufficiente la città rispetto alle esigenze di smaltimento delle eccedenze di umido".

Da questa considerazione di partenza, nasce l considerazione sulla location: "La scelta di Napoli est - prosegue la nota dei quattro senatori - oltre ad aver avuto parere contrario da parte della Soprintendenza, appare, a giudizio degli interroganti, oltremodo incauta e pericolosa per le caratteristiche dell'area, dichiarata sito di interesse nazionale (SIN), quindi da considerarsi un territorio fragile, che ancora soffre per la mancata attuazione di bonifiche attese da tempo. I SIN rappresentano delle aree contaminate molto estese classificate come pericolose e che necessitano di interventi di bonifica del suolo, del sottosuolo o delle acque superficiali e sotterranee. Nella zona orientale di Napoli si muore più che altrove per patologie tumorali riconducibili all'inquinamento ambientale frutto di una selvaggia industrializzazione prima, e della mancata attuazione dei necessari interventi di bonifica poi".

Per il senatore Presutto, da sempre contrario all'impianto, il biodigestore rischia di aumentare ulteriormente il tasso di inquinamento: "L'impianto, infatti, per sua natura, unisce una fase aerobica e una fase anaerobica. Questa seconda lavorazione, che avviene in assenza di ossigeno, è utile ad accelerare il processo di decomposizione dell'umido, ma ha lo svantaggio di produrre uno scarto di lavorazione, il percolato, che si configura come un vero e proprio rifiuto e va trattato per essere smaltito. L'impianto, inoltre, produce biogas che nelle intenzioni del Comune dovrebbe essere usato per la trazione dei mezzi di ASIA. Il biogas necessita di essere raffinato prima di essere utilizzato, con tutte le conseguenze del caso".

A tutto ciò si aggiungerebbe un bassissimo tasso di raccolta differenziata non capace di garantire la produzione delle 30mila tonnellate che l'impianto dovrebbe trattare. "Appare evidente - conclude l'interrogazione - come il danno che tale scelta produrrà sul territorio di Napoli est non potrà mai essere controbilanciato dai ristori previsti per i cittadini, evidentemente lesi dalla stessa scelta, in termini di agevolazioni sul costo della tariffa sui rifiuti". 

Va ricordato che il Movimento 5 Stelle, partito di Vincenzo Presutto, è componente della maggioranza che sostiene il sindaco Gaetano Manfredi in Comune e che ha votato a favore del biodigestore. Sul tema, ora, si attenda la risposta del Governo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Biodigestore Napoli Est, il caso finisce in Parlamento

NapoliToday è in caricamento