rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Cronaca Cardito

Il leghista Calderoli: “Essobti ha ucciso a bastonate un bambino di sei anni e vuole lo sconto di pena”

Il vicepresidente del Senato contro il patrigno del piccolo Giuseppe che ha scritto ai giudici d'appello

"Sono senza parole nel leggere che l'assassino che nel 2019, a Cardito in provincia di Napoli, ha ucciso a bastonate un bimbo di sei anni, figlio della sua compagna - e lo ripeto ha ucciso a bastonate un bimbo di sei anni, così non sbagliamo a capirci - oggi scriva ai giudici dell'Appello invocando una pena più mitigata rispetto all'ergastolo inflittogli in primo grado. Ma di cosa stiamo parlando? Ha ucciso per futili motivi, ha ucciso con crudeltà e ferocia, ha ucciso un bimbo di sei anni, tra l'altro ha poi anche cercato di uccidere le sorelline del bimbo. Adesso per l'assassino del povero Giuseppe non ci deve essere nessuna clemenza o sconto di pena: fine pena mai, ergastolo senza nessuna attenuante". Lo afferma il senatore Roberto Calderoli, vice presidente del Senato riferendosi alla lettera inviata da Tony Essobti Badre alla Corte d'Assise d'Appello nella speranza di ottenere uno sconto di pena per l'uccisione del piccolo Giuseppe. Essobti ha chiesto il “perché di un trattamento così duro” nonostante abbia confessato il delitto. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il leghista Calderoli: “Essobti ha ucciso a bastonate un bambino di sei anni e vuole lo sconto di pena”

NapoliToday è in caricamento