Bimbo morto in piscina: quattro avvisi di garanzia

L'accusa è di concorso in omicidio colposo

Sono quattro gli avvisi di garanzia notificati dalla polizia nell'ambito dell'inchiesta, coordinata dal pm Michele Caroppoli e dall'aggiunto Giuseppe Lucantonio, per la morte del bimbo di tre anni avvenuta giovedì scorso nella piscina del 'Kora' di Lucrino Pozzuoli, durante i festeggiamenti di una cerimonia nuziale, ai genitori di Davide, al proprietario della struttura e ad un'animatrice del locale.

L'accusa è di concorso in omicidio colposo. Giovedì dovrebbe svolgersi l'autopsia e venerdì i funerali del bimbo di 3 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A breve i genitori del piccolo Davide, Luigi Marciano e Rosa Russo, renderanno un interrogatorio in Procura a Napoli per chiarire la loro posizione", è quello che riferisce all'Adnkronos, l'avvocato Vincenzo Stravino. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento