rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Cronaca Cardito

Bimbo ucciso a Cardito: l'assassino minacciato in carcere. È in isolamento

Il 24enne è detenuto nel padiglione Avellino. Ha incontrato anche un consigliere regionale

È detenuto nel padiglione Avellino del carcere di Poggioreale, Tony Essoubti Badre, il 24enne che ha ucciso il figliastro di soli sette anni a Cardito. È nell'ala del carcere con il più alto grado di sicurezza ed è detenuto in isolamento. Appena entrato nell'istituto di pena napoletano ha ricevuto minacce da altri detenuti e il rischio per la sua incolumità è molto alto. Non è esclusa la possibilità di un trasferimento in un'altra struttura. Intanto ha ricevuto la visita anche del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli. Il politico ha visitato la struttura accompagnato dalla direttrice e ha avuto modo di incontrare anche il 24enne. Borrelli ha raccontato di aver incontrato l'uomo in lacrime così come testimoniato dal suo post su Facebook.

Il post 

“Ho incontrato anche in isolamento il 24enne Tony Essoubti Badre che ha massacrato di botte due figli della compagna a Cardito uccidendo il piccolo Giuseppe e riducendo la sorellina in condizioni pietose. Quando mi ha visto piangeva e chiedeva perdono. Non sono riuscito a provare alcuna pietà per lui. Personalmente credo che chi uccide è un mostro in particolare se si tratta di bambini e merita una condanna durissima senza alcuna attenuante”. Il detenuto ha anche più volte chiesto conforto a una suora che presta servizio nella struttura. Ieri, nel corso dell'interrogatorio di garanzia dinanzi al Gip Antonino Santoro, ha confessato tutti i dettagli dell'assassinio del piccolo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bimbo ucciso a Cardito: l'assassino minacciato in carcere. È in isolamento

NapoliToday è in caricamento