Coronavirus, il cardinale Sepe: "Per chi muore in casa la benedizione sotto al palazzo"

Lo specifica il cardinale: "Purtroppo si muore ancora di Covid e per le esequie valgono le vecchie regole. Chi muore in ospedale sarà benedetto dal cappellano del nosocomio"

Il Cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe, ha voluto ricordare che - per le esequie - valgono le misure già adottate nei mesi scorsi. Per "coloro che muiono in ospedale vale l'intesa tra Autorità sanitaria e le famiglie. In quel caso", aggiunge Sepe, "alla benedizione provvede il cappellano dell'ospedale. Per i malati di Covid che muoiono in casa - il parroco, il presbitero o il diacono incaricato procederà alla benedizione della salma sotto l'edificio abitativo del defunto", conclude il cardinale Sepe. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Tutto sulla dieta che ha restituito a Fiorello la sua forma smagliante

  • Fuga d'amore a Dubai per Tony e Tina Colombo: le foto bollenti

  • Covid-19 e polmonite interstiziale, quando l’infezione colpisce i polmoni: l’intervista allo pneumologo

  • Paura a Scampia, esplosione in un appartamento: fiamme devastano abitazione

  • Il Tar boccia il ricorso contro l'ordinanza regionale: le scuole restano chiuse

Torna su
NapoliToday è in caricamento