rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023

Il bene confiscato cancellato dallo svincolo dell'autostrada

Sottratto al clan Magliulo, oggi Masseria Ferraioli ha realizzato oltre 300 orti urbani affidati alle famiglie del territorio. Due progetti del Comune di Afragola, però, minacciano la sua sopravvivenza

Uno svincolo dell'autostrada al posto di 328 orti urbani, affidati ad altrettante famiglie. Potrebbe accadere nei prossimi mesi ad Afragola, dove il vecchio progetto dell'uscita della Napoli-Bari potrebbe mettere fine all'esperienza della Masseria Ferraioli, un bene confiscato al clan camorristico Magliulo. 

La Masseria

Questo sito, dove sono stati decisi svariati omicidi di una sanguinosa faida, è rimasto abbandonato per circa vent'anni dopo la confisca. Nel 2017 è stato affidato dal Comune di Afragola a cinque soggetti: il Consorzio Terzo Settore, l'associazione Sott'e'ncoppa, la Cgil Napoli, Radio Siani e la cooperativa L'uomo e il legno. In cinque anni, la Masseria si è trasformata da luogo abbandonato a simbolo del riscatto di un territorio: 328 orti urbani, un frutteto con oltre 5mila alberi, un giardino didattico per le scuole, senza considerare gli eventi culturali organizzati. 

Un luogo dove sono stati spesi anche tanti soldi, sia pubblici che privati, e che ha beneficiato di un finanziamento statale da 1,5 milioni per la realizzazione di una casa di accoglienza per donne che hanno subito violenza. Tutto ciò, potrebbe svanire in pochi mesi a causa di uno svincolo dell'autostrada e di un canile. 

Lo svincolo e il canile

"Si tratta di due progetti che fanno capo all'attuale amministrazione comunale - spiega Giovanni Russo, uno dei soci della Masseria - Lo svincolo è una delle opere compensative che Ikea avrebbe dovuto realizzare per il suo insediamento. C'è una sentenza del Tribunale che obbliga il colosso svedese, ma l'opera distruggerebbe questo luogo per come lo conosciamo oggi. I bracci di asfalto taglierebbero il terreno in sei parti neanche collegabili tra loro. Di fatto, la nostra esperienza finirebbe". 

Con una delibera del 25 febbraio 2022 (in possesso di NapoliToday), il Comune di Afragola stabilisce la necessità di realizzare un canile comunale: "In quel documento viene specificato che questa struttura verrebbe realizzata su tutta la superficie della Masseria. Non resterebbe niente. Mi sembra ovvio che questi due progetti non siano compatibili con il finanziamento ministeriale di 1,5 milioni. Come se non bastasse, il cantiere per la casa di accoglienza, anch'esso in campo al Comune, è quasi fermo e non sappiamo se e quando verrà chiuso".

L'antimafia

Masseria Ferraioli è un luogo strategico per l'antimafia campana. Il perché lo spiega don Tonino Palmese, presidente della fondazione Polis: "E' il simbolo del riscatto di un territorio. In un luogo da sempre violentato per quello che si voleva sotterrare, oggi c'è una comunità viva. Sono esperienze che insegnano alle persone che la lotta alle mafie può esistere. Non entro nel merito dell'utilità dei progetti del Comune, ma non si può spogliare un santo per vestirne un altro. Un bene confiscato può anche essere riconvertito, ma quando è abbandonato. Non mi sembra questo il caso".

 Ci sono anche altre amministrazioni del territorio che non sembrano del tutto in linea con i progetti da realizzare: "La nostra priorità - afferma al telefono il sindaco di Casoria Raffaele Bene - deve essere vitare che ci siano problemi per la Masseria, un'esperienza fondamentale perché per la prima volta un bene confiscato alla camorra viene recuperato non solo alla legalità ma anche alla comunità". 

Il Comune

Per una settimana, NapoliToday ha chiesto un'intervista al sindaco di Afragola Antonio Pannone. Nonostante le rassicurazioni dell'entourage, non abbiamo ottenuto risposta. Dal primo cittadino avremmo voluto avere alcune risposte: innanzitutto se è vero che i due progetti distruggerebbero la Masseria; perché è stata scelta quell'area; perché non vanno avanti i lavori per il centro di accoglienza; che fine farà il finanziamento del ministero. E, infine, un'ultima domanda: che messaggio arriverebbe alla camorra se un'esperienza del genere fosse interrotta?

Un assist alla camorra

In cinque anni, i soci di Masseria Ferraioli hanno subito diversi attacchi intimidatori, oltre che sabotaggi: "Sono decine le denunce per danni, furti e cose del genere" afferma Giovanni Russo. L'ultimo episodio risale a poche settimane fa, quando un esponente della famiglia Magliulo si è presentato accampando pretese sulla proprietà del terreno e sottraendo parte del raccolto. "Non credo che interrompere il nostro lavoro sarebbe un bel messaggio - conclude Russo - Anzi, credo che i clan stapperebbero una bottiglia".

Video popolari

Il bene confiscato cancellato dallo svincolo dell'autostrada

NapoliToday è in caricamento