Morte Belardinelli, le motivazioni della "condanna-soft" al tifoso del Napoli

Secondo il Gup Manduca voleva scappare dalla situazione di pericolo creata dai tifosi interisti, tra cui la stessa vittima

A dx, Daniele Belardinelli

"Guida pericolosa", questa violando "fondamentali regole di cautela" e causando per "colpa" il "grave investimento nel quale ha perso la vita" Daniele Belardinelli. È, secondo il giudice, quella di Fabio Manduca, il tifoso del Napoli condannato per la morte dell'ultrà del Varese rimasto ucciso negli scontri a Milano - prima di Inter-Napoli - il 26 dicembre 2018.

Il Gup, che ha condannato Manduca a 4 anni per omicidio stradale lasciando delusi i familiari del varesino, voleva "abbandonare al più presto la situazione di guerriglia" che si era creata, determinata "dall'agguato sulla strada da parte dei tifosi interisti". Insomma, si può escludere Manduca avesse una "volontà dolosa" di uccidere.

I pm di Milano Rosaria Stagnaro e Michela Bordieri avevano chiesto 16 anni di carcere per omicidio volontario col cosiddetto 'dolo eventuale', ma il giudice chiarisce che si può ritenere la "condotta del Manduca connotata da colpa con previsione e non da dolo". La "condotta dell'imputato", scrive il giudice, "per quanto imprudente, si staglia in uno scenario nel quale la lontananza dagli standard cautelari è riferibile sia all'imputato che alla persona offesa", cioè a Belardinelli.

Una codotta, quella di Manduca, che ha avuto luogo "in un brevissimo lasso temporale tanto da potersi accreditare come un comportamento repentino ed impulsivo, segno di una grave disattenzione". Ancora: "il contesto illecito nel quale si è trovato ad agire l'imputato non è stato da lui volontariamente causato, ma (è stato provocato , ndR) dall'agguato sulla strada da parte dei tifosi interisti".

Il gup ha anche riconosciuto all'imputato l'attenuante del "concorso" del "fatto doloso della persona offesa". Gli ultras interisti, infatti, "per primi avevano invaso la carreggiata di via Novara e avevano attaccato la carovana dei tifosi napoletani" e Belardinelli "è stato uno dei primi a dare vita alla rissa, invadendo la corsia e colpendo il vetro del Ford Transit che precedeva l'auto del Manduca".

La condanna a Manduca: quattro anni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

Torna su
NapoliToday è in caricamento