Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Becchino canta a squarciagola sull'auto delle pompe funebri: "Era uno scherzo tra colleghi"

"Non c'era la salma a bordo", spiega in un video Totore Cardillo

Ha fatto il giro del web un video nel quale si vede un impiegato delle pompe funebri cantare a squarciagola, mentre guida con un microfono in mano, un brano neomelodico. Dopo le polemiche per quella che è stata considerata dai più critici come una mancanza di rispetto per i defunti arriva il chiarimento dell'uomo, Salvatore (Totore) Cardillo: "Chiedo scusa a tutti. Era uno scherzo tra colleghi. La salma non c'era, non avrei mai fatto una cosa simile. Era prima di andare al lavoro. Sono una persona seria, il lavoro è triste e brutto per le famiglie. Lo so che non si fa. Qualcuno l'ha pubblicato a mia insaputa. Stavo andando a ritirare la salma, era una cosa scherzosa, che so che non andava fatta". 

Emanuele, fratello di Salvatore, rivela a NapoliToday: "Mio fratello è molto dispiaciuto per quanto accaduto. Spero che con questo video di scuse venga chiarito tutto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Becchino canta a squarciagola sull'auto delle pompe funebri: "Era uno scherzo tra colleghi"

NapoliToday è in caricamento