Cronaca

Bassolino: "Trasporti, che sfascio". È duello con de Magistris

La querelle su Twitter. La risposta del sindaco: "Abbiamo ereditato un disastro. Debito oltre 200mln verso Anm". Caldoro: "Siamo in campo per affrontare la crisi e per garantire il servizio"

Bassolino

Un Primo Maggio nero sul fronte dei trasporti con i treni della Circumvesuviana danneggiati da vandali. Ieri, poi, un tweet dell'ex presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino nel quale ha definito il trasporto pubblico della città "allo sfascio" per scatenare la polemica.


Tutto è partito dall'ex sindaco: "A Napoli trasporto pubblico peggiora ogni giorno, è ormai allo sfascio. Possibile che @demagistris e @StefanoCaldoro non se ne accorgano?". Pronte le risposte. "Caro Bassolino - scrive il governatore su Twitter e Facebook - problemi che conosci (bene). Il Governo ha tagliato il 30% e in 15 anni si è accumulato un debito di 700 milioni nelle partecipate dei trasporti. Il trasporto pubblico locale è una questione nazionale e locale. Regioni e Comuni sono impegnati a contrastare i tagli. Siamo in campo per affrontare la crisi e per garantire il servizio", ha replicato Caldoro. Poi è stato il turno del sindaco de Magistris: "Abbiamo ereditato un disastro. Debito oltre 200mln verso Anm. Dal 2010 taglio 40% da governo/regione. Trasporto è priorità". Bassolino, legge, controreplica e soprattutto sottolinea questo: "Per me il trasporto è sempre stato una priorità, sia in Comune che in Regione. Ora no". Alla prossima puntata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bassolino: "Trasporti, che sfascio". È duello con de Magistris

NapoliToday è in caricamento