Barche abbandonate in spiaggia da tempo: le operazione di rimozione

"Erano non solo fonte di degrado, ma anche di pericolo per famiglie e giovani"

Sono state rimosse tre barche abbandonate da tempo dalla spiaggia libera del Poggio a Bacoli. A darne l'annuncio il sindaco, Josi Gerardo Della Ragione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Stiamo rimuovendo tre barche abbandonate, da tempo, lungo l’incantevole spiaggia libera del Poggio. Erano non solo fonte di degrado, ma anche di pericolo per famiglie e giovani. Voglio ringraziare la Guardia Costiera di Baia, nonché i privati volontari che hanno messo a disposizione uomini e mezzi. Ed un plauso speciale ai tanti bagnanti che, spontaneamente, per amore della nostra città, hanno voluto dare una mano. È una sinergia bellissima: popolo ed istituzioni. Un passo alla volta, tutti insieme, per Bacoli", spiega il sindaco di Bacoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Coronavirus, De Luca: "Tra fine ottobre e novembre attesa la ripresa del contagio"

  • Elezioni Regionali Campania 2020: il fac-simile della scheda elettorale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento