rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Giugliano in campania

Il bando per il termovalorizzatore di Giugliano c'è: protestano i comitati

Contestata la scelta di far insistere l'impianto in una zona già martoriata da discariche ed altre strutture per lo smaltimento. Il commissario Carotenuto: "Si tratta di una scelta del governo"

È stato pubblicato il bando per la realizzazione del termovalorizzatore di Giugliano. L'impianto è volto a bruciare ecoballe stoccate da anni in Campania, tra cui quelle della discarica di Taverna del Re.
Il nuovo impianto - come conferma il commissario ad acta, Alberto Carotenuto - dovrebbe sorgere nell'area dell'ex centrale elettrica e sarà realizzato con un progetto di finanza. Le offerte dovranno giungere entro il prossimo 11 ottobre. Non è stata resa nota la quantità di rifiuti che la struttura dovrà bruciare quotidianamente, ma si parla di una sua realizzazione mediante “le soluzioni più avanzate e sicure”.

Rassicurazioni poco convincenti per movimenti e forze politiche giuglianesi, che sottolineano come in zona già vi sono oltre 46 discariche (tra autorizzate e non), un impianto di tritovagliatura dei rifiuti e un sito di stoccaggio di ecoballe.
“L'area di Giugliano per il nuovo termovalorizzatore - ha spiegato ancora Carotenuto - non è stata scelta né dal commissariato né dalla Regione Campania, ma da una legge dello Stato''. Eppure, ricordano i rappresentanti dei comitati, che in passato è stato assicurato che in quest'area “non sarebbe stata realizzata nessun altra struttura per il trattamento dei rifiuti”.

Il numero elevato di ecoballe in attesa di smaltimento è stato uno dei motivi di contestazione da parte dell'Unione Europea che ha portato alla procedura di infrazione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bando per il termovalorizzatore di Giugliano c'è: protestano i comitati

NapoliToday è in caricamento