menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Baby Gang

Baby Gang

"Babygang e violenze in aumento a Napoli": l'allarme dell'Unicef

La presidente: "Il problema è che sempre più spesso le istituzioni, invece di essere da esempio, trasmettono disvalori ai nostri giovani. Il primo luogo dove si deve contrastare questa deriva è la famiglia"

Allarme babygang ed episodi di violenza tra i giovani a Napoli. Secondo la presidente del comitato Unicef Campania, Margherita Dini Ciacci, il fenomeno sarebbe in costante aumento, del 3% nei soli ultimi 6 mesi, e ci sarebbe anche una progressiva diminuzione dell'età media dei giovani protagonisti di questi episodi che adesso hanno anche tra i 10 e i 13 anni.

"Il problema - dice la Dini Ciacci - è che sempre più spesso le istituzioni, invece di essere da esempio, trasmettono disvalori ai nostri giovani. Il primo luogo dove si deve contrastare questa deriva è la famiglia". Secondo la presidente del comitato Unicef intervenuta a un incontro organizzato dalla Fondazione Valenzi, nel capoluogo partenopeo aumentano gli episodi di violenza con protagonisti i giovanissimi. E non si tratta più solo di manifestazioni di aggressività o di episodi di bullismo perché aumentano anche i casi di aggressioni vere e proprie, pestaggi, furti e piccole rapine nei negozi. "A Napoli - dice l'assessore comunale allo Sport, Pina Tommasielli - abbiamo ancora tassi troppo alti di dispersione scolastica. Si tratta di un fenomeno molto grave che non riguarda solo i quartieri considerati solitamente luoghi di disagio. Come Comune proviamo a fare la nostra parte, ma è un lavoro che dobbiamo portare avanti assieme. Dal bilancio regionale purtroppo non arrivano segnali incoraggianti e siamo quindi costretti a ripensare completamente alle politiche sui minori".


La Fondazione Valenzi lavora da tre anni al progetto sperimentale 'Bell e buono - scoprire il buono attraverso il bello' dedicato all'infanzia a rischio e oggi è stato presentato un e-book dedicato a questo argomento che è possibile scaricare dal sito della Fondazione. "I nostri ragazzi - dice la presidente della Fondazione, Lucia Valenzi - attraverso l'arte, e quindi il bello, riescono a esprimersi. Purtroppo i maggiori problemi per i nostri giovani non nascono dalle miserie economiche, ma da quelle sociali e civili". (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cura della persona

    Come usare il blush per riequilibrare la forma del viso

  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento