Violenza giovanile, il consigliere Borrelli: "Estendere alle famiglie le responsabilità"

In merito ai due episodi avvenuti nel fine settimana (spari a salve e aggressione), il consigliere regionale Borrelli dichiara: "Bisogna prevenire con controlli a tappeto e poi punire i genitori per le colpe dei figli"

“Al primo posto tra le emergenze da noi segnalate al nuovo Questore di Napoli, Alessandro Giuliano, c’era proprio il fenomeno oramai fuori controllo delle baby gang. Purtroppo le cronache del sabato sera della movida partenopea, hanno confermato la veridicità della nostra indicazione. Ieri tre giovanissimi vengono accerchiati e picchiati a sangue da una ventina di loro coetanei. Al Vomero tre ragazzini estraggono una pistola ad aria compressa ed esplodono colpi a salve gettando nel panico centinaia di giovani che in quel momento affollavano via Scarlatti. Due episodi gravissimi che avrebbero potuto avere conseguenze molto gravi”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli.

“La piaga delle baby gang può essere affrontata con un controllo capillare sul territorio da parte delle forze dell’ordine, perquisizioni e sequestri a tappeto e segnalazione delle famiglie dei giovani fermati in possesso di armi, droga e strumenti atti ad offendere. Bisogna estendere alle famiglie la responsabilità per i danni inferti a cose e a persone. Non è più ammissibile che genitori incapaci di educare i propri figli la facciano franca lasciandoli per strada a fare danni”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Sesso nel cimitero di Acerra: "Senza rispetto in un luogo di dolore"

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Nela e la battaglia contro il cancro: "Quando arriva non ti lascia più. Ho pensato al suicidio"

  • Coronavirus, Benitez: "Mai visto niente di simile. Misuriamo la febbre due volte al giorno"

Torna su
NapoliToday è in caricamento