Baby Camorra, su Nove il reportage alla scoperta dei giovani criminali napoletani

L'inchiesta del giornalista spagnolo David Beriain

E' andato in onda nella prima serata di ieri su Nove il reportage realizzato da David Beirian dal titolo "Baby Camorra".

Il giornalista spagnolo ha indagato sulle nuove generazioni di camorristi, incontrando alcuni di loro. Nel corso del programma sono andate in onda anche interviste a Roberto Saviano, a Maria Luisa Iavarone, la madre di Arturo, il ragazzino napoletano accoltellato in via Foria circa un anno fa, ed il prete anticamorra Don Aniello Manganiello

Sui social non sono mancate polemiche per alcune scene. Il programma è stato in ogni caso visto da 380mila spettatori, facendo registrare uno share dell'1,6%.

"Che alternative hanno i ragazzini napoletani? È complicato. L'Italia è un microcosmo dell'Europa in modo estremo. La differenza tra nord e sud è abissale e Napoli è il profondo sud. Ci sono quartieri della città in cui la sensazione di marginalità è molto forte. E per molti giovani, la camorra è ciò che Maradona era un tempo. Qualcosa che ha tutto ciò che non potrebbero mai avere", ha spiegato Beirian a El Mundo parlando del suo reportage.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco perché il tuo bucato non profuma

  • Tragedia nel centro commerciale, bambino di 5 anni resta mutilato

  • Casoria, dramma nel parco: donna precipita dal balcone e muore

  • Consegnò la pizza al Papa: arrestato per truffa Enzo Cacialli

  • Si chiamava Pietro e aveva solo 16 anni: è lui la vittima dell'incidente di Casoria

  • Centro Storico, giovane accasciato in strada salvato da un passante

Torna su
NapoliToday è in caricamento