Autopsia sul carabiniere ucciso: colpito ad entrambi i fianchi dalle coltellate

Undici in totale le coltellate. Un un colpo più profondo inferto da dietro ha raggiunto lo stomaco

Il vice-brigadiere Mario Cerciello Rega, secondo quanto emerso, dal preliminare dell'autopsia, avrebbe ricevuto ripetute coltellate sia al fianco destro che su quello sinistro, oltre ad un colpo più profondo inferto da dietro che ha raggiunto lo stomaco, per un totale di 11 coltellate, come anticipato da AdnKronos. Il coltello utilizzato da Elder Finnegan Lee, era lungo 18 centimetri. 

Carabinieri in regolare servizio

Dalla mezzanotte del 26 luglio scorso i carabinieri Mario Cerciello Rega e Andrea Varriale, anche se in borghese, erano in regolare servizio, come confermato dal sistema centralizzato dell'Arma. I magistrati della procura di Roma hanno comunque acquisito il registro delle presenze e dei turni riferibili alla stazione di piazza Farnese alla quale appartenevano i due militari. 

Riesame

 I difensori di Christian Gabriel Natale Hjorth, il ragazzo americano accusato di concorso in omicidio per la morte del vice-brigadiere di Somma Vesuviana hanno depositato in mattinata il ricorso al tribunale del Riesame. A difendere il giovane americano sono l'avvocato Francesco Petrelli insieme all'avvocato Fabio Alonzi. Non ha sciolto ancora le riserve invece la difesa di Finnegan Lee Elder che sta ancora valutando se presentare l'istanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La testimonianza del facchino dell'hotel

Il giorno dopo in cui è stato ammazzato Mario Cerciello Rega, il facchino 55enne dell'hotel Le Meridien Visconti Roma, è stato ascoltato come persona informata sui fatti dai carabinieri. L'uomo, insieme ad altri due colleghi addetti alle pulizie e al facchinaggio, quella tragica notte ha lavorato nel lussuoso albergo nel quartiere Prati dove Elder Finnegan Lee e Natale Hjorth hanno dormito.  All'1,30 ha "salutato" Elder Finnegan Lee e Gabriel Christian Natale Hjorth, che rientravano nella struttura dopo aver rubato lo zaino a Brugiatelli a Trastevere, ripresi anche dalle telecamere esterne e interne dell'hotel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento