Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Gli sequestrano l'autolavaggio, lui lo riapre e rende anche concessionaria: denunciato

Protagonista della vicenda un 47enne di Grumo Nevano

Un autolavaggio con annessa autofficina e concessionaria, ma tutto privo di autorizzazioni: è quanto è stato scoperto a Casandrino dai carabinieri per cui è stato denunciato un 47enne di Grumo Nevano.

I carabinieri del nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale di Napoli, insieme a quelli della stazione di Grumo Nevano e del Nucleo Operativo Ispettorato del Lavoro partenopeo, hanno sequestrato l'attività. Già denunciato nel 2017, il titolare dell’esercizio stava continuando a lavorare illecitamente nella sua attività squestrata, che aveva anche ingrandito: i carabinieri hanno trovato infatti non solo l’autolavaggio ma anche un locale adibito ad autofficina e autodemolizione.

L’uomo aveva allestito – all’interno dell’autolavaggio – anche un piccolo concessionario per la vendita di auto e moto.

Le quattro attività – in un area di 300 metri quadri nuovamente sottoposta a sequestro – erano completamente abusive: i carabinieri hanno costatato l’assenza di qualsiasi titolo autorizzativo.

Trovato, infine, anche un lavoratore "a nero", per il quale il titolare dell’attività è stato multato. Il 47enne è stato denunciato per violazione di sigilli e gestione illecita dei rifiuti.

Sequestrati, oltre all’area, i macchinari utilizzati per l’autolavaggio e l’autofficina così come i 23 mezzi tra auto e moto che erano esposti per la vendita. L’intero sequestro ha un complessivo di 450mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli sequestrano l'autolavaggio, lui lo riapre e rende anche concessionaria: denunciato

NapoliToday è in caricamento