Attore 'Paranza dei bambini' accoltellato, lo sceneggiatore: "A Chiaia residenti e esercenti cosa fanno?"

Maurizio Braucci parla dell'aggressione ad Artem Tkachuk come del frutto di frustrazione ed emarginazione dei ragazzi

"Il motore di tutto è la frustrazione dei ragazzi. Per uno che riesce, ce ne sono migliaia che restato emarginati". Così Maurizio Braucci, sceneggiatore con Roberto Saviano del film "La paranza dei bambini", spiega – raggiunto dal Corriere del Mezzogiorno – l'aggressione avvenuta domenica notte nella zona dei baretti di Chiaia ad Artem Tkachuk, 18enne attore del film.
Il ragazzo accoltellato, di origine ucraina ma residente ad Afragola, adesso sta bene. È però fresco lo choc per quanto accaduto senza alcuna ragione.

Artem, spiega Braucci, "è un ragazzo molto coriaceo, anche se ovviamente era spaventato. È uno sportivo, un pugile. Ha frequentato una scuola pugilistica anche a Londra. È un italiano di seconda generazione e questo, soprattutto nell’Italia contemporanea, lo fa partire sempre un passo indietro rispetto agli altri".

Parla la vittima: "Amo Napoli, ma c'è troppa ignoranza tra i ragazzi"

"Tutte le tensioni tra giovani – spiega lo sceneggiatore – confluiscono ai baretti di Chiaia, e di notte esplodono. E mentre nelle discoteche c’è un ordine spaziale più o meno autoimposto tra i gruppetti, lì a Chiaia si ritrovano in un territorio aperto e tutte le contraddizioni giovanili emergono facilmente". "Il motore di tutto è la frustrazione dei ragazzi – è l'idea che si è fatto Braucci – Per uno che riesce, ce ne sono migliaia che restato emarginati. Napoli è una città che ha alle spalle ere di occasioni mancate o di totale assenza di occasioni per i giovani". "Il panorama di riferimento – spiega – è disastrato. Disoccupazione, dispersione scolastica e, soprattutto, l’uso e abuso di l’alcol sono elementi devastanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lo sceneggiatore conclude criticando anche i residenti e gli esercenti locali. "A Napoli c’è tanta gente che si attiva, basta avere un po’ di iniziativa. A Chiaia, invece, gli abitanti si limitano a lamentarsi del disagio e del disturbo che la movida arreca loro e i commercianti se la prendono con le istituzioni che non fanno abbastanza. E loro, cosa fanno?".

Il fatto: accoltellato attore de "La paranza dei bambini"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento