Cronaca

"Scavi di Pompei negati per l'assemblea? Ieri hanno incassato più che al solito..."

Antonio Pepe, sindacalista la cui delega è stata revocata dalla Cisl, difende l'assemblea. "Durata un'ora e mezza. Nessun 'danno incalcolabile', ieri c'erano più turisti che mai". E i dati gli danno ragione

Scavi Pompei

Il sito archeologico di Pompei ha fatto registrare più visitatori che al solito nella giornata di ieri, e questo nonostante l'assemblea sindacale che ha lasciato fuori dai cancelli circa 2 mila turisti in attesa della sua conclusione: 14mila e 448 contro ad esempio gli 11mila e 791 del 22 luglio.

A rilevarlo, dati alla mano, è il sindacalista Antonio Pepe, ex esponente della Cisl Funzione Pubblica, al quale il sindacato ha ritirato le deleghe dopo l'assemblea di ieri. L'incasso? Ieri 145mila e 359,50 euro, l'altro ieri 117 mila e 922,50.

"Pompei non è stata mai negata ai turisti ed il ritardo di apertura del sito è stato di un'ora e mezza. I dati parlano chiaro – ha aggiunto il sindacalista - non c'è stato alcun danno incalcolabile". La vicenda ha registrato reazioni molto veementi sia da parte del governo (Renzi e Franceschini) che della Regione (De Luca).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Scavi di Pompei negati per l'assemblea? Ieri hanno incassato più che al solito..."

NapoliToday è in caricamento