menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La manifestazione (Foto Viviana Graniero)

La manifestazione (Foto Viviana Graniero)

“Assedio alla Regione” contro precariato e piano rifiuti

In migliaia a Santa Lucia, ma la manifestazione non è autorizzata. Lo scrittore Erri De Luca: "Sono qui per ribadire il diritto a manifestare, sono in piazza con i miei migliori concittadini"

Mattinata infuocata, ma completamente pacifica, a Santa Lucia con una manifestazione chiamata simbolicamente dai comitati organizzatori “Assedio alla Regione Campania” per protestare contro il nuovo piano dei rifiuti regionale (che prevede nuove discariche ed inceneritori) e contro la piaga del precariato e della sempre più preoccupante disoccupazione.

Striscioni e bandiere fanno riconoscere tra i tanti manifestanti (circa un migliaio), le mamme vulcaniche, i vari comitati antidiscarica di tutto il napoletano, i cittadini campani per un piano alternativo dei rifiuti oltre che studenti, i gruppi di opposizione sociale e precari Bros. La battaglia non termina, i cittadini attivi non si danno per vinti e continuano a chiedere a gran voce un ciclo virtuoso dei rifiuti che non danneggi ulteriormente un territorio già tanto devastato.

Il corteo ed il presidio (che è stato annunciato come permanente dagli organizzatori) non sono però stati autorizzati dalla Questura (che ne avrebbe voluto lo spostamento a Piazza del Plebiscito). Le forze dell’ordine in completo assetto si sono dispiegate lungo tutto il percorso e il corteo si è spaccato in due parti, uno è arrivato alla Regione, l’altro è rimasto per qualche ora tra Via Nazario Sauro e Via De Cesare per poi confluire nel presidio sotto la sede della Regione.

A scendere in piazza questa mattina, anche il noto scrittore Erri De Luca, che a NapoliToday ribadisce che quello di manifestare è un diritto sacrosanto: “Sono qui – ci dice - per stare al fianco dei cittadini e movimenti che si occupano della legittima difesa della loro terra. Questa manifestazione è stata vietata, sono qui per ribadire il diritto di farla lo stesso, sono un cittadino che è contento di essere oggi in piazza con i suoi migliori concittadini”.


Molte le voci di solidarietà ai manifestanti arrivate dal mondo della politica, come si legge in una nota l’Assessore Comunale alle Politiche Sociali, Sergio D'Angelo, ha dichiarato: “Vietare la manifestazione dei tanti lavoratori precari, operatori sociali, dei movimenti e delle associazioni radunatisi nei pressi di Palazzo Santa Lucia, con il pretesto di prevenire problemi di ordine pubblico, è un grave errore politico". “Facciamo – ha continuato l’assessore - appello al Governatore Caldoro, affinché i manifestanti possano essere ricevuti e ascoltati, perché solo attraverso il dialogo sarà possibile scongiurare il pericolo di nuove tensioni sociali”.



Sulla stessa lunghezza d’onda l'Assessore ai Beni Comuni Alberto Lucarelli : “Esprimo la mia solidarietà ai manifestanti che hanno inteso oggi esprimere il proprio dissenso presso la sede della giunta regionale. Tra i motivi della protesta - ha dichiarato Lucarelli in una nota - vi è anche la ribellione nei confronti di una politica escludente che ha prodotto un piano rifiuti incentrato sulla politica degli inceneritori invece che sulle politiche del recupero, del riciclo, del riuso e della tutela preventiva"."Tentare di limitare l'esercizio della legittima protesta - ha concluso Lucarelli - costituisce una forte compressione del dissenso e, in senso più ampio, dei diritti costituzionalmente garantiti, quali la libertà di manifestazione del pensiero e di riunione, tesi ad affermare altri due diritti fondamentali quali la difesa dell'ambiente e della salute pubblica".

"Il vero reato è vietare una protesta per il lavoro" ha invece commentato il consigliere regionale Corrado Gabriele.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento