rotate-mobile
Cronaca Arzano

Imprenditore denuncia il clan per pizzo: "Non lasciamolo solo"

La sua testimonianza ha permesso l'arresto di tre elementi della malavita di Arzano. Manifestazione di solidarietà del Comitato di liberazione dalla camorra

Domani alle ore 17 ad Arzano il Comitato di liberazione dalla camorra - Area Nord di Napoli sarà in piazza Sant’Agrippino per una manifestazione di solidarietà per Giovanni, l'imprenditore grazie alla cui denuncia è stato possibile arrestare quattro persone per estorsione: “Giovanni, il commerciante che ha denunciato il pizzo non resterà solo - si legge nella nota del Comitato - Manifesteremo concretamente la nostra solidarietà stando accanto a Giovanni, il commerciante di Arzano preso di mira dai camorristi della 167 di Arzano. Ci mobilitiamo e accendiamo un riflettore perché sappiamo bene che i camorristi sono abituati agli arresti e agli omicidi e sanno bene come riorganizzarsi per continuare a imporre la loro volontà con la forza della violenza e non bisogna assolutamente pensare che qualche arresto basti a fermarli”.

In piazza Sant’Agrippino ad Arzano, i clan della 167 hanno avviato una piazza di spaccio, minacciando chi, secondo loro, potrebbe ostacolarli, compresa la mamma dell’imprenditore che, qualche giorno, fa, con le sue denunce, ha permesso l’arresto di quattro esponenti del clan che gli avevano chiesto 2mila euro per poter tenere aperto il bar. “Giovanni ha denunciato i camorristi, ma per un imprenditore che denuncia, tanti altri, in questi giorni, stanno pagando il pizzo imposto dai clan nell’area metropolitana di Napoli ed è necessario mettere in campo tutte le iniziative possibili per far sì che siano sempre di più coloro che denunciano gli estorsori” hanno aggiunto i rappresentanti del Comitato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditore denuncia il clan per pizzo: "Non lasciamolo solo"

NapoliToday è in caricamento