Aggressione ad Arturo: condanne confermate per i tre aggressori

I tre giovanissimi restano condannati a nove anni e tre mesi di reclusione

Sono state tutte confermate le condanne per gli aggressori di Arturo, il giovanissimo accoltellato a via Foria a dicembre del 2017. Il giudice Maurizio Stanziola della Corte d'Appello per i minorenni ha confermato le condanne inflitte ai tre imputati in primo grado. Restano condannati a nove anni e tre mesi di reclusione i tre giovanissimi autori dell'aggressione che scioccò la città. Rigettata la richiesta di patteggiare una pena inferiore da parte di uno dei tre imputati. Aveva chiesto di essere condannato a sette anni e otto mesi di reclusione ma il giudice non ha accordato la riduzione.

Chi sono i giovani aggressori 

Si chiude così il secondo capitolo giudiziario per i tre giovani che all'epoca dei fatti avevano tra i 15 e i 16 anni. Uno di loro erano soprannominato “o' nano” e un altro “tic-tac” e sono stati identificati grazie ai filmati delle telecamere di sorveglianza della zona. Venne indagato anche un quarto giovanissimo, all'epoca dei fatti 14enne, che ha ingaggiato una dura battaglia legale provando a dimostrare che si trovava su un campo di calcetto al momento dell'aggressione. All'esito delle condanne di primo grado il giovane Arturo chiese che ai suoi aggressori venisse data la possibilità di studiare. La madre Maria Luisa Iavarone ha creato un'associazione che porta il suo nome: “Artur”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento forte e temporali in arrivo sulla Campania: nuova allerta meteo

  • Pioggia e temporali su Napoli e Campania: allerta meteo "gialla"

  • Mammografia e pap-test gratuiti e senza impegnativa a Napoli: ecco dove

  • Cinzia Paglini è tornata a casa: lieto fine per l'artista napoletana

  • Allerta meteo, scuole e parchi aperti a Napoli nella giornata di giovedì

  • Venerato: "In caso di dimissioni di Ancelotti i nomi in ballo sarebbero tre"

Torna su
NapoliToday è in caricamento