Cronaca

Artecard, da tre anni Capodichino è senza infopoint

La direttrice generale della Scabec, che gestisce Artecard, lamenta l'assenza di punti informativi nell'hub. "Prima della ristrutturazione c'eravamo. Artecard è un fiore all'occhiello della Campania"

Aeroporto di Capodichino

La denuncia arriva da Francesca Maciocia, direttrice generale della Scabec, la società della Regione Campania che si occupa di Artecard, circuito integrato di musei regionali: "Da tre anni non abbiamo più uno spazio per promuovere i musei della Campania nell'aeroporto di Capodichino".

"Siamo presenti - ha spiegato Maciocia a margine della presentazione della mostra Paleocontemporanea - nei più importanti hub di accesso alla città di Napoli, partire dalla stazione centrale. Eravamo anche all'aeroporto in uno spazio che condividevamo con il Consorzio Unico Campania nella zona arrivi. Quando però l'aeroporto è stato ristrutturato negli spazi non abbiamo più ottenuto il nostro corner. Ormai sono tre anni che siamo fuori dallo scalo".

Nell'aeroporto, un punto d'accoglienza per i turisti esiste, ed è quello gestito dalla Gesac. "Ma è importante che ci sia uno spazio con personale con specifiche competenze nella promozione dei beni culturali e nella commercializzazione della card, caratteristiche presenti nel personale Artecard", continua la direttrice di Scabec. In questi tre anni non si è mai raggiunto l'accordo. "Abbiamo cercato in tutti i modi ad avere un'interlocuzione diretta con la Gesac - conclude Maciocia - ma non ci siamo riusciti. Vorrei almeno capire se c'è un problema nei confronti di Artecard, che è un fiore all'occhiello della Campania. È un vero peccato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artecard, da tre anni Capodichino è senza infopoint

NapoliToday è in caricamento