Prestiti elargiti con interessi dal 60% al 120%: arrestato usuraio

Vittima un commerciante di Lacco Ameno, sull'isola di Ischia

I Carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Ischia e della stazione di Barano hanno tratto in arresto un 61enne incensurato di Poggioreale per usura aggravata. Vittima un commerciante di Lacco Ameno.

Le indagini hanno svelato che 2 anni fa l’arrestato aveva elargito un prestito di 30mila euro alla vittima, costretta a versare un interesse mensile pari a 1.500 euro, cioè il 60% annuo.

Per un ulteriore prestito di 7mila euro, invece, l’usuraio aveva chiesto allo sfortunato interessi mensili di 700 euro, ossia il 120% annuo.

I Carabinieri hanno organizzato un servizio di osservazione il giorno della consegna dell’interesse di luglio e hanno potuto bloccare l’usuraio al momento della riscossione, nel negozio della vittima. In tasca aveva i 2.200 euro appena presi, denaro che la vittima si è vista restituire.

Sono state eseguite poi le conseguenti perquisizioni domiciliari nelle abitazioni dell’usuraio, a Napoli e a Misano Adriatico, quest’ultima da parte dei Carabinieri della compagnia di Riccione. In totale sono stati sequestrati 23.600 euro in contante e numerosi appunti ed assegni, 2 dei quali proprio firmati dalla vittima a garanzia dei prestiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrestato è stato tradotto in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • "E' morto un nonno amorevole e molto conosciuto": nuovo lutto a San Giorgio per Covid-19

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento