20mila euro per un prestito da 7mila: arrestato strozzino

I Carabinieri hanno arrestato un 50enne di Carbonara di Nola, già noto alle forze dell'ordine, per usura ed estersione aggravate dal metodo mafioso

I Carabinieri della stazione di Palma Campania hanno arrestato un 50enne di Carbonara di Nola, già noto alle forze dell'ordine, per usura ed estersione aggravate dal metodo mafioso.

Un imprenditore del napoletano in difficolta economiche all’inizio del 2015 ha chiesto un prestito di 4.000 euro all'uomo. L’accordo prevedeva che la cifra sarebbe stata restituita a 600 euro al mese. Dopo qualche mese l’imprenditore è stato costretto a chiedere un secondo prestito, da 3.000 euro, con restituzione a 900 euro ogni due messi.

In questo anno e mezzo, il malcapitato ha sborsato 20.000 euro a fronte di prestiti per 7.000. All'inizio del 2016, il 50enne ha convocato la sua vittima per chiedere 500 euro al mese 'per i carcerati' e per la 'protezione della famiglia del debitore', soldi che il malcapitato ha pagato fino a maggio.

Da giugno, poi, la pretesa è aumentata. Lo strozzino ha comunicato all’imprenditore, infilando platealmente una pistola nella cintola dei pantaloni, che la cifra mensile sarebbe aumentata a 1.000 euro.

I militari dell’Arma avevano notato movimenti sospetti del 50enne e avevano cominciato ad osservarne gli spostamenti. È così che la storia è finita, con i Carabinieri della stazione di Palma Campania che lo hanno bloccato, trovandolo in possesso di 1.000 euro (l’ennesimo pagamento della vittima).

I militari, ricostruendo tutta la vicenda, hanno trovato a casa sua la pistola, una replica di semiautomatica priva di tappo rosso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’arrestato è stato tradotto a Poggioreale. Il Gip di Nola ha convalidato l’arresto e disposto la custodia in carcere per usura ed estorsione aggravate dal metodo mafioso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

Torna su
NapoliToday è in caricamento