rotate-mobile
Cronaca Soccavo / Viale Traiano

Dissidi familiari "risolti" con una stesa, i carabinieri arrestano un 22enne

Gli vengono attribuiti gli spari contro un negozio di viale Traiano dello scorso maggio. A casa sua è stato trovato anche un ordigno esplosivo

I carabinieri del nucleo operativo della Compagnia di Bagnoli hanno sottoposto agli arresti domiciliari M.O., 22enne del posto già noto alle forze dell'ordine. Il giovane è ritenuto gravemente indiziato di detenzione di un ordigno esplosivo artigianale, porto d'arma comune da sparo ed esplosione di colpi d'arma da fuoco.

Le indagini hanno consentito di acquisire quelli che vengono ritenuti "gravi indizi di colpevolezza" nei confronti dell'indagato in ordine a quanto accaduto lo scorso 4 maggio. Allora, nei pressi di una attività commerciale di viale Traiano, furono esplosi in aria diversi colpi d'arma da fuoco.

L'evento sarebbe riconducibile - secondo gli inquirenti - a dissidi familiari insorti poco prima tra due donne, parenti dell'indagato in quello stesso locale commerciale e, pertanto, si ritiene che l'accaduto sia riconducibile ad un intento intimidatorio.
Le immediate indagini dei militari dell'arma hanno anche permesso di ritrovare e sequestrare nell'abitazione dell'indagato un ordigno esplosivo ad alto potenziale offensivo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dissidi familiari "risolti" con una stesa, i carabinieri arrestano un 22enne

NapoliToday è in caricamento