menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In manette pusher vicino al clan Gionta

Arrestato a via Sambuco un 28enne ritenuto contiguo al clan di Torre Annunziata. In casa aveva sette dosi di crack e 4500 euro in contanti

Sette dosi di crack e 4.600 euro in contanti di piccolo taglio. Non hanno avuto nessun dubbio i carabinieri della radiomobile di Torre Annunziata quando hanno stretto le manette ai polsi a un 28enne vicino al clan Gionta. L'accusa è quella di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane è stato, infatti, trovato in possesso di due grammi e mezzo di crack, diviso in sette dosi. Insieme alla sostanza stupefacente è stata trovata anche una grossa somma di denaro all'interno della sua abitazione. La perquisizione ha, infatti, permesso ai militari di trovare 4.500 euro divisi in banconote di tutti i tagli e ritenuti provento dell'attività di spaccio.

I soldi erano nascosti all'interno dell'armadio di una delle camerette dell'abitazione di via Sambuco, in un borsello da donna. Oltre alla droga e ai soldi, anche tutto il materiale necessario per confezionare le dosi come un bilancino di precisione e del bicarbonato di sodio utilizzato per tagliare la droga. Il 28enne, già sorvegliato speciale, è adesso in attesa di comparire dinanzi al tribunale torrese per l'udienza di convalida dell'arresto in flagranza e il successivo processo con rito direttissimo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento