Trenta chili di marijuana sui Monti Lattari: in manette “o' capellone”

Era detenuto agli arresti domiciliari ma nonostante questo continuava la sua attività di coltivazione delle piante

Aveva una coltivazione di marijuana per un totale di 30 chili di sostanza stupefacente. È finito in manette Salvatore Domenico Comentale, detto “Minicuccio o' capellone” su ordine del Gip del tribunale di Torre Annunziata. L'uomo appartiene ad una famiglia nota sui Monti Lattari proprio per la coltivazione di stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad eseguire l'arresto sono stati i militari della Guardia di finanza della compagnia di Castellammare. L'uomo era detenuto agli arresti domiciliari ma, sfruttando alcuni permessi giornalieri, aveva continuato l'attività. L'obiettivo degli investigatori adesso è scoprire la rete di fiancheggiatori che lo aiutava nella coltivazione delle piante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

  • "Se ne va uno stimato professionista": San Giorgio piange il quarto decesso per Coronavirus

  • Napoli senza smog con il lockdown: l'aria pulita riduce anche la potenza del Coronavirus

Torna su
NapoliToday è in caricamento