menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresto sindaco Magliocca, il gip: "Asservito al clan locale"

Si legge di un "sodalizio criminale agguerritissimo, resosi protagonista di delitti efferati, la cui pericolosità resiste agli interventi giudiziari e grazie al quale il Magliocca ha potuto vincere ripetute competizioni elettorali"

Giorgio Magliocca è da anni "asservito al clan camorristico locale, un sodalizio criminale agguerritissimo, resosi protagonista di delitti efferati, la cui pericolosità resiste agli interventi giudiziari e grazie al quale il Magliocca ha potuto vincere ripetute competizioni elettorali".

Queste le parole del gip nell'ordinanza di custodia cautelare notificata oggi dalla polizia al sindaco di Pignataro Maggiore. L'esponente del Pdl sarebbe stato appoggiato e sostenuto nelle competizioni elettorali prima da Lello Lubrano, che lo avrebbe fatto eleggere nel 2002; successivamente all'uccisione di Lubrano sarebbe stato appoggiato da Pietro Ligato, attualmente detenuto in regime di 41 bis.


In cambio, Magliocca avrebbe contribuito a rafforzare i vertici e le attività del gruppo camorrista, omettendo qualsiasi controllo dovuto in qualità di sindaco sui beni confiscati al clan e consentendo che i capi e i loro familiari continuassero a gestire i beni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento