menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonella Leardi

Antonella Leardi

La mamma di Ciro: “Arresto di Genny ridicolo, spostano l'attenzione dagli assassini”

Antonella Leardi si è detta "indignata" per l'arresto di Gennaro De Tommaso avvenuto stamani. "Dovrebbero invece lavorare per dare giustizia a mio figlio. Genny evitò altri scontri, andrebbe premiato"

La madre di Ciro Esposito, il tifoso del Napoli rimasto ucciso negli scontri precedenti alla finale di Coppa Italia del maggio scorso, si è detta “indignata” per l'arresto di Gennaro De Tommaso, Genny “a carogna”, ai domiciliari da stamane con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

“Anziché di arrestare quelli che hanno partecipato all'uccisione di mio figlio – spiega Antonella Leardi – arrestano Gennaro, che invece avrebbe dovuto avere un premio per quello che ha fatto, evitando altri incidenti”. De Tommaso fu uno dei protagonisti della presunta trattativa tra la tifoseria del Napoli ed i giocatori perché la partita tra azzurri e Fiorentina – nel clima surreale successivo ai tragici fatti di viale di Tor di Quinto – potesse iniziare.

“Gennaro, che io neppure conoscevo – ha spiegato la donna – allo stadio è stato interpellato dalla società. Ha fatto solo da intermediario con tutti i tifosi presenti all'Olimpico per calmare gli animi. Subito dopo la partita è corso all'ospedale per essere vicino a mio figlio, che lottava per non morire". “Adesso – ha proseguito la mamma di Ciro – invece di lavorare per dare giustizia a mio figlio ed arrestare i complici del presunto assassino, che sono ancora a piede libero, si sposta l'attenzione generale su Gennaro”.

“Basta essere tartassati – è stata la conclusione di Antonella Leardi – ora si riparla di Napoli e di Gennaro invece di parlar di chi ha ammazzato Ciro. Ma che vogliono ancora da noi?”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento