Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Ponticelli / Viale Aldo Merola

Tentato omicidio Anna De Luca, un arresto nel clan De Micco

La donna, ritenuta vicina ai D'Amico, riuscì a sopravvivere (era il 2014) a sette colpi di pistola

Agguato a Ponticelli, Ansa

Dagli inquirenti è ritenuto responsabile dell'agguato ad Anna De Luca Bossa, avvenuto nel luglio del 2014. Un uomo, sospettato di essere un affiliato al clan camorristico dei De Micco, è stato messo ieri in manette dai carabinieri della compagnia di Poggioreale. Si è arrivati a lui grazie a numerose dichiarazioni di collaboratori di giustizia.

Si tratta, secondo i magistrati, della persona che su viale Aldo Merola, in scooter e col volto coperto da casco integrale, sparò contro la donna 7 colpi di pistola calibro 7,65. La ferì a gomito, spalla, bacino, ad un braccio e ad entrambe le cosce. Venne salvata al Cardarelli.

De Micco, arrestato il presunto killer di Nunzia D'Amico

Il tentato omicidio è parte del conflitto al tempo scoppiato tra i De Micco e i D'Amico. Secondo quanto ricostruito nelle indagini, i De Micco – dal settembre 2012 e fino agli ultimi arresti di questi mesi – si sono resi autori di continue azioni di fuoco e omicidi, con lo scopo di ottenere la supremazia assoluta sul territorio che era dell'adesso disgregato clan Sarno.

La De Luca Bossa, secondo gli investigatori inserita nelle dinamiche criminali dei D'Amico, è sorella di "Tonino 'o sicc", Antonio De Luca Bossa, e figlia di Teresa De Luca Bossa, entrambi al 41 bis. Al 41 bis c'è anche il compagno della donna, Ciro Minichini. È da lui che ebbe il figlio Antonio Minichini, ucciso nel 2013 dai De Micco per errore mentre si trovava insieme ad una persona appartenente ai D'Amico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato omicidio Anna De Luca, un arresto nel clan De Micco

NapoliToday è in caricamento