menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spaccio di cocaina dal rione Traiano all'Abruzzo, 16 arresti

16 persone sono state arrestate per detenzione e spaccio di cocaina. Il traffico partiva dal Rione Traiano diretto da Carmine Iorio, detto Ricchitella, e arrivava in Abruzzo. Iorio dopo l'omicidio del fratello si era rifugiato a Montesilvano

Associazione per delinquere finalizzata alla detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, questi gli ordini di custodia cautelare in esecuzione oggi per 16 persone da parte dei carabinieri del comando provinciale di Teramo nelle province di Napoli, Pescara e Teramo,

Tutto però è partito dal Rione Traiano a Napoli. Infatti, l'obiettivo dei carabinieri del comando provinciale di Teramo, era Carmine Iorio, detto Ricchitella, 47enne elemento di spicco dell'organizzazione che aveva allungato e stava radicando i suoi tentacoli nella zona tra Pescara e Tortoreto (Teramo).

Per lui, la sua convivente Anna Fusco (29), la sorella Maria iorio (26) e i più stretti collaboratori Pasquale Bianco (29), Alberto Aprile (29), Rosaria Cutugno (41), Flora Apetino (31), Antonio Sagliocco (40), Antonio Cozzolino detto "Mignolino" (40), detenuto nel carcere di Chieti, le ordinanze di custodia cautelare in carcere, firmate dal gip della Distrettuale dell'Aquila, sono state notificate assieme alla contestuale perquisizione.

Oltre 100 carabinieri con le unità cinofile hanno prelevato gli indagati per rinchiuderli nel carcere di Poggioreale, in attesa del confronto con il magistrato. "Ricchitella", dal 2004, dopo l'esecuzione camorristica del fratello Ciro, nell'ambito della faida di Scampia tra il clan Lauro e gli scissionisti, si era rifugiato a Montesilvano (Pescara), dove ben presto, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, aveva avviato un traffico di stupefacenti, esclusivamente cocaina pura.

Come illustrato nel corso della conferenza stampa di questa mattina nel comando provinciale di Teramo dal tenente colonnello Antonio Salemme, il clan napoletano era riuscito a intessere rapporti attraverso i quali organizzava la distribuzione della droga tra Pescara, Silvi, Roseto degli Abruzzi e Tortoreto. Per questo la contestazione di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti è mossa anche nei confronti di Camillo Bucciarelli, pescarese di 46 anni, Maurizio Lorenzini (54) di Tortoreto, Federica Coppa (27) e Stefano Pierabell (27) entrambi di Roseto. Antonio Coppola (38), napoletano ed Erasmina De Laurentis (60), pescarese, hanno ottenuto gli arresti domiciliari.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento