rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Castellammare di stabia / Via Panoramica

Castellammare, i carabinieri si fingono operai: in manette esattori del pizzo

Due uomini bloccati in via Panoramica in un cantiere edile allestito per lavori di ristrutturazione di una villa privata. Lì hanno tentato di estorcere al direttore dei lavori 25.000 euro in contanti

I carabinieri si fingono operai e arrestano gli esattori presentatisi a riscuotere il pizzo. La vicenda è accaduta a Castellammare di Stabia: i militari del nucleo investigativo di Torre Annunziata hanno arrestato con l'accusa di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso un 20enne e un 27enne già noti alle forze dell'ordine e ritenuti affiliati al clan camorristico D'Alessandro considerato dai militari egemone nell'area stabiese, dei monti Lattari e in penisola sorrentina.

I due sono stati sorpresi e bloccati in via Panoramica, in un cantiere edile allestito per lavori di ristrutturazione di una villa privata, dove hanno tentato di estorcere al direttore dei lavori 25.000 euro in contanti, pari al 5% dell'importo totale dei lavori stimati in 500 mila euro. in particolare, i due esattori si erano presentati nel cantiere il giorno prima e avevano chiesto agli operai presenti, con fare minaccioso, di parlare con un responsabile del cantiere, che però in quel momento era assente. Così si sono ripresentati la mattina successiva. Ad attenderli stavolta c'erano i carabinieri, avvisati dalla vittima che aveva intuito le loro intenzioni.


I militari si sono finti operai e quando hanno notato i due avvicinare il responsabile dei lavori e con fare minaccioso gli hanno chiesto 25.000 euro in contanti per proseguire con 'tranquillita' i lavori, li hanno subito bloccati e arrestati. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castellammare, i carabinieri si fingono operai: in manette esattori del pizzo

NapoliToday è in caricamento