menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pedopornografia: quattro arresti e 18 persone indagate

L'inchiesta, partita da Milano, coinvolge diverse regioni italiane tra cui la Campania

Perquisizioni e arresti in diverse regioni italiane nell'ambito di un'inchiesta per pedopornografia. Oltre che in Campania, la polizia postale è intervenuta in Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Marche.

In manette, perché trovate in possesso di ingenti quantitativi di materiale pedopornografico, sono finite quattro persone. Altre 18 sono indagate a piede libero. Tra i destinatari di ordinanze di custodia cautelare un napoletano di 30 anni incensurato, sottoposto all'obbligo di firma. Tra i 18 indagati invece persone definite “comuni” dagli inquirenti (da studenti di 25 anni a pensionati di 70), tre delle quali però con precedenti specifici.

Le indagini sono coordinate dalla procura della Repubblica di Milano. In tutto sono stati trovati oltre 20mila tra video e foto pedopornografici, per lo più materiale vecchio che gira da anni in rete. Gli scambi avvenivano attraverso un'app di messaggistica per smartphone legale, utilizzata come piazza virtuale.

Gli investigatori hanno analizzato 15mila connessioni per individuare la rete di presunti pedofili. Prima di poter arrivare alla "stanza" per lo scambio di materiale, bisognava avere il permesso da parte di altri membri. Rischiano pene da 3 a 6 anni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento