Erano stati indagati a Scampia: in manette per detenzione di materiale pedopornografico

Si tratta di due persone messe in manette dalla polizia postale di Palermo e già oggetto di indagine, in passato, a Napoli

Detenzione di materiale pedopornografico. È l'accusa di cui dovranno rispondere due persone messe in manette dalla polizia postale di Palermo. I due, ora in carcere, erano già stati oggetto di indagine da parte del commissariato di polizia di Scampia a Napoli per reati della stessa natura.

Sono stati ritrovati anche foto e video che ritraevano minori anche di tenera età.

Quanto rinvenuto, sarà confrontato - fanno sapere le forze dell'ordine - con ciò che è stato oggetto di sequestro in altre indagini, che hanno coinvolto anche gruppi di messaggistica veloce o piattaforme quali ''La Bibbia 5.0'' eccetera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viene evidenziato anche, per contrastare il fenomeno, l'importanza di segnalare eventuali contenuti illeciti rinvenuti sul web (tra cui materiale pedopornografico o oggetto di revenge porn), rivolgendosi al Servizio Polizia Postale e Comunicazioni, sia mediante il Commissariato di Polizia Online sia attraverso le diverse Sezioni e Compartimenti di Polizia Postale presenti su tutto il territorio nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Le statue di Palazzo Reale: la storia degli otto re del Pebiscito

  • Uomo investito mentre attraversa sulle strisce pedonali: la scena ripresa dalle telecamere (VIDEO)

  • I 5 migliori ristoranti di pesce di Pozzuoli

  • Quindicenne investita, la verità nella scatola nera dell'auto. Il 21enne: “Sono distrutto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento