Violenza sessuale di gruppo: quattro ordinanze cautelari a Ischia

Il provvedimento è stato emesso dal GIP presso il Tribunale per i Minorenni, su richiesta della Procura per i Minorenni di Napoli, dopo un'articolata attività investigativa condotta dai Carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Ischia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a carico di quattro giovani di nazionalità dominicana residenti sull’isola. Il provvedimento è stato emesso dal GIP presso il Tribunale per i Minorenni su richiesta della Procura per i Minorenni di Napoli dopo un'articolata attività investigativa condotta dalla Stazione Carabinieri di Ischia.

I quattro giovani sono ritenuti responsabili di violenza sessuale e violenza sessuale di gruppo consumata nei confronti di altri due giovani.

Le indagini sono iniziate con la denuncia delle vittime sporta alla citata stazione dei Carabinieri e sono state eseguite con intercettazioni ambientali e con una serie di acquisizioni di testimonianze.

Gli elementi raccolti hanno permesso di ricostruire quattro episodi di violenza consumati quando gli indagati e le vittime erano minorenni.

Due degli indagati sono stati colpiti dal provvedimento del collocamento in comunità, uno da quello della permanenza in casa e uno da quello delle prescrizioni.

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • "Si' propeto 'na céuza" vuol dire che...

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Rissa nel Vasto, "grida disumane". Un quarantenne finisce in ospedale

  • Tragedia in Kenya: napoletano muore durante il viaggio di nozze

  • Amichevole in famiglia in casa Juve, cori contro i napoletani: Sarri fa finta di nulla

  • Tony Colombo, attacco da Borrelli: "Senza casco e sul marciapiede, esempio di inciviltà"

  • Tragedia all'isola d'Elba: napoletano trovato morto nella casa in cui era in vacanza

Torna su
NapoliToday è in caricamento