"Sono operativo": giro di droga via sms, interviene l'antimafia

In manette un 26enne di Quarto già ai domiciliari: l'inchiesta che secondo gli inquirenti lo incastra

Stamattinata i carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione distrettuale antimafia partenopea.

In manette, a Quarto, è finito un 26enne del posto già noto agli inquirenti e ritenuto responsabile del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine condotta dal Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna e coordinata dal Pm Giuseppe Visone, ha individuato quella che gli investigatori definiscono "una fiorente attività di spaccio del tipo cocaina e hashish" che il giovane avrebbe portato avanti nel giugno del 2018.

Nel corso dell’attività investigativa sono state registrati anche alcuni messaggi sms “circolari” inviati secondo i magistrati dall’indagato ad una serie di numeri telefonici, nei quali lasciava intendere ai suoi interlocutori di essersi rifornito: “sono operativo mi raccomando”.

A tali sms, seguivano le richieste di incontri da parte di altre persone, che spesso – riportano gli inquirenti – mostravano la volontà di acquistare droga.

Il 26enne, già agli arresti domiciliari per altri motivi, è stato condotto in carcere a Secondigliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento