Va a giocare una bolletta ma è ai domiciliari: al ritorno trova i carabinieri

Finisce male per un 39enne di Torre del Greco che è stato arrestato per evasione

Centro scommesse, immagine d'archivio

Non aveva fatto altro che assecondare la sua passione per le scommesse calcistiche L.C., 39enne di Torre del Greco già noto alle forze dell'ordine.

Ha lasciato la sua abitazione, si è recato al centro scommesse, è tornato a casa e lì ha trovato i carabinieri ad arrestarlo per evasione: semplicemente, era agli arresti domiciliari e non poteva assolutamente lasciare casa sua.

A metterlo in manette, davanti al portone di casa e con la ricevuta della "bolletta" ancora tra le mani, sono stati i carabinieri della sezione radiomobile di Torre Del Greco.

È stato sottoposto di nuovo ai domiciliari, in attesa di giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

Torna su
NapoliToday è in caricamento