rotate-mobile
Cronaca

Portava droga e smartphone al suo assistito in carcere: avvocato in manette

Perquisito, aveva addosso 100 grammi di hashish e un cellulare con caricabatterie

Un avvocato del Foro di Napoli è stato arrestato e sottoposto ai domiciliari. L'accusa per lui è di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Avrebbe portato nel carcere di Santa Maria Capua Vetere dell'hashish per il suo assistito lì detenuto, circa 100 grammi.

Il legale difensore aveva incontrato il detenuto nella sala colloqui del carcere lo scorso 17 febbraio. Lì il professionista è stato sottoposto a perquisizione personale da parte degli agenti penitenziari, che gli hanno trovato addosso quattro panetti di hashish del peso di quasi cento grammi, un micro telefonino con scheda sim e un caricabatterie con cavetto.

Per il detenuto destinatario del "carico", il Gip ha invece disposto la custodia cautelare in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Portava droga e smartphone al suo assistito in carcere: avvocato in manette

NapoliToday è in caricamento